Sintonizzarci - Mindful Movement
17944
post-template-default,single,single-post,postid-17944,single-format-standard,bridge-core-2.6.9,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,vss_responsive_adv,vss_width_768,qode-theme-ver-25.4,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.6.0,vc_responsive

Sintonizzarci

Sintonizzarci

Come percepiamo la nostra interconnessione?

Con il mondo esterno e con il nostro mondo interiore?

Se abbiamo vissuto un trauma possiamo sviluppare ipervigilanza 🧐verso le informazioni che arrivano dall’ambiente circostante e dalle persone che incontriamo, lasciando poco spazio (e energia) da dedicare alla nostra percezione enterocettiva ( viscerale e interiore), tagliando l’ accesso alle informazioni preziose che arrivano dal nostro corpo⛹️/cuore💗/mente🧠 che sono essenziali per poter meglio rispondere e agire nel momento presente.

Questa iper-sensibilità esterocettiva (verso gli stimoli che arrivano dall’esterno) può portare anche ad un’attivazione cronica 😓del sistema simpatico del SNA (sistema nervoso autonomo), – vi ricordate che ne abbiamo parlato qualche post fa? – dove le sensazioni che riusciamo a percepire dal corpo sono spesso associate a uno stato di stress😵, come le sensazioni di ansia o panico.

Se invece la nostra strategia di sopravvivenza è quella di congelamento🥶 o adulazione (‘freeze’ o ‘fawn’) è possibile che la nostra capacità di sentire qualsiasi informazione dal corpo sia molto limitata, una forma di dissociazione dal proprio sé.

Uno degli elementi fondamentali in un percorso di guarigione e reintegrazione dal trauma – che sta alla base del nostro lavoro insieme nel programma di Embodied Resilience – è ripristinare il dialogo tra corpo e cervello, sede principale del sistema nervoso.

Questa è l’essenza delle esplorazioni che facciamo per migliorare l’ ‘inner attunement’, ovvero la capacità di dare ascolto al corpo e poter scegliere come agire in base a queste informazioni.

Per “riconnetterci” e “sintonizzarci” vi propongo una pratica che descrivo qui di seguito.

Prenditi qualche momento per te, possibilmente in un luogo silenzioso. Trova una posizione comoda per il tuo corpo, seduta o sdraiata e comincia con qualche gesto di orientamento e radicamento (https://www.mindfulmovement.eu/ri-orientarci/)

Nota quali sensazioni ti arrivano mentre guardi e dove le senti nel tuo corpo (se le senti) oppure quali emozioni e anche qui, nota se ci sono parti del tuo corpo dove emergono. Se ti va, prova a fare un ‘body scan’ portando la tua attenzione verso le varie parti del tuo corpo. 🧘‍♂️

Prendi nota delle sensazioni… per esempio, come senti la tua gamba destra? Pesante, densa, leggera, lunga/corta, calda/fredda? Potresti anche sentire poco o niente. Tutto quello che emerge è informazione preziosa e valida.

Se arrivano delle emozioni durante il ‘body scan’, osserva anche queste, magari nominandole, come: paura, felicità, tristezza, rabbia, speranza, …

Se senti in qualsiasi momento che questa esplorazione ti porta fuori dalla tua ‘finestra di tolleranza’ (https://www.mindfulmovement.eu/la-finestra-di-tolleranza/)puoi ancorarti all’oggetto iniziale o al respiro o fermarti per poi riprovare in un altro momento.

Il primo passo è sempre quello di ritrovare la strada verso noi stessi e il nostro mondo interiore e intimo… ritornando a casa nel proprio corpo in un dialogo fruttuoso e nutriente dove il corpo riesce a ‘parlare’ in modo chiaro e in cui c’è lo spazio interiore per rispondere in modo rispettoso, generoso e amorevole.

Se sorgono domande contattami, sarò felice 😀di condividere il mio percorso di autoconoscenza, alla base del programma EMBODIED RESILIENCE che propongo.

Prendi un appuntamento su Calendly

Grazie!

Hilary

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

Hilary ti da il benvenuto!